Gli ortaggi e legumi più famosi dell’orto

cipolla e aglio in spicchi - ortaggi e legumi

Gli ortaggi e legumi più famosi dell’orto. Alcuni ortaggi e legumi sono spesso usati in cucina per ogni tipo di preparazione, per questo bisogna coltivarli nell’orto per avere della verdura fresca a km0 senza aver paura di “mangiare” agenti chimici.

 La lattuga

Puoi iniziarla a coltivare dai semi oppure dal cespo scartato. Mettilo in una ciotola con acqua per 15 giorni, appena si sviluppa possiamo trapiantarlo in un vaso di terracotta e continuare la coltivazione. Trai suoi benefici:
alleata di tutto il corpo per il suo buon contenuto di sali minerali (ferro, calcio, fosforo, rame, sodio e potassio) e vitamine A e vitamina C raccomandati quando l’organismo necessita di un supplemento di questi micronutrienti.  La sua composizione con grassi quasi del tutto assenti e carboidrati complessi rappresentati dalla fibra non digeribile, la rende particolarmente indicata per chi è in situazione di sovrappeso.

Cipollotti

Conserva dei gambi di cipollotti dentro un vaso con dell’acqua, tienili insieme con delle fascette e attendi che crescano. I cipollotti sono degli ottimi diuretici naturali e grazie alle loro proprietà proteggono e difendono il sistema urinario dalle infezioni. Per questo è importante consumarli crudi nel pinzimonio o cotti alternandoli alla cipolla matura.

Sedano

Il sedano ricresce dal proprio gambo, in un piattino mettiamo dell’acqua con la base di un gambo e attendiamo che si sviluppi. Successivamente possiamo trasferirlo nell’orto. Dalle foglie si estrae un succo dalle grandi proprietà terapeutiche. Tutta la pianta possiede infatti virtù diuretiche, depurative e carminative. Il sedano è rinomato anche per la sua proprietà di contrastare efficacemente il catarro e le bronchiti. I frutti e le radici sono un ottimo diuretico, contro la ritenzione idrica, nei problemi renali, della vescica e nelle nefriti. Inoltre il sedano è considerato uno dei più vigorosi tonici intestinali, molto efficace contro il meteorismo e la costipazione.

Cipolle

coltivazione-cipolleconserva la base dalla cipolla, oppure il cuore centrale dell’ortaggio, quando inizia a germogliare e ad assumere una colorazione verde. Come nei casi precedenti, potrete riporre le parti di scarto prima in un piattino con dell’acqua, e poi direttamente nel terreno. a cipolla ha un consistente valore nutritivo, grazie alla presenza di sali minerali e vitamine, soprattutto la vitamina C, ma contiene anche molti fermenti che aiutano la digestione e stimolano il metabolismo; inoltre contiene anche oligoelementi quali zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo, diverse vitamine (A, complesso B, C, E); flavonoidi con azione diuretica dall’azione durietica.

Aglio

Vi basterà tenere da parte alcuni degli spicchi di una normale testa d’aglio, a seconda del numero delle piantine che vorrete ottenere e interrarli in vaso o nell’orto. I nuovi bulbi d’aglio si svilupperanno nel terreno e nel giro di poco tempo potrete raccoglierne di nuovi. Il consiglio è di piantare gli spicchi d’aglio nell’orto, accanto alle piante più delicate, per proteggerle dai parassiti. Molto importanti i benefici che arreca al cuore ed al sistema circolatorio. Grazie alle sue proprietà tonificanti ed equilibranti, rinforza il tono muscolare del cuore rendendo più fluido il sangue. Oltre a svolgere un’azione depurativa, contribuisce in modo determinante alla pulizia delle arterie, evitando soprattutto l’accumulo di colesterolo LDL e svolgendo un’attività preventiva nei confronti delle malattie cardiovascolari.

Piselli

Il terreno deve essere preparato mesi prima della semina, si tratta di vangare fino a 35 cm di profondità e concimarlo con stallatico maturo. Il periodo migliore per concimarlo è a fine autunno-inizio inverno. Rispetto ad altri legumi i piselli contengono più acqua (fino all’80 per cento) ma meno proteine vegetali (intorno al 5,5), fibre (circa il 6,3) e carboidrati (intorno al 6,5). Nonostante la quantità di fibre non sia elevatissima rispetto ad altri semi della stessa famiglia, è comunque abbondante e soprattutto è sufficiente ad aiutare l’intestino, è quindi utile in caso di stitichezza.

Rucola

La moltiplicazione della rucola avviene tramite la semina direttamente in campo nel periodo che va da marzo a settembre-ottobre. La distribuzione del seme può essere fatta a mano o a macchina, a spaglio o a file, interrandolo alla profondità di cm 1-2. Innaffiare subito dopo la semina e mantenere il terreno umido fino alla germinazione che avverrà dopo circa una settimana. La rucola è ricca di vitamine, minerali e molta, ma molta acqua. Pensate che è composta per ben il 91% da acqua. Povera di calorie, solo 25 ogni 100 grammi, la rucola è fonte di vitamina C da non sottovalutare. È ricca anche di acido folico e quindi indicata per le donne in gravidanza.

–>Scopri come coltivare nell’orto<–

Leave a Comment